Approfondimenti

Nuovo Bonus Pubblicità

Nell’ambito della “Manovra correttiva” è stata introdotta una nuova agevolazione riguardante le imprese e i lavoratori autonomi (Professionisti) volta ad incentivare l’utilizzo degli strumenti pubblicitari per accrescere e sviluppare la propria attività.

L’agevolazione consiste in un  credito d’imposta (proporzionato alla spesa incrementale rispetto alle spese di pubblicità dell’anno precedente)  che permette un beneficio pari al 75% o addirittura del 90% del valore delle spese sostenute per la pubblicità su quotidiani, periodici, televisione e radio (analogiche o digitali)

Il credito d’imposta spetta dal 2018, ma dovrebbe riguardare gli investimenti effettuati dal 24/06/2017.

Il credito d’imposta èpari al:

  • 90% per le micro imprese, PMI e startup innovative
  • 75% altri soggetti

Per poter godere del credito d’imposta, nelle misure sopra indicate è necessario che l’investimento pubblicitario sia superiore di almeno l’1% rispetto a quello dell’anno precedente eseguito sugli stessi mezzi di informazione.

Esempio:

se una piccola impresa ha sostenuto spese di pubblicità nell’anno x pari ad € 3.000 e nell’anno x+1 ha sostenuto spese di pubblicità pari ad € 6.000 il credito d’imposta spettante sarà pari ad € 2.700 [(€ 6.000 - € 3.000)*90%]

Il credito d’imposta potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione, tramite il modello F24.

In ogni caso bisognerà aspettare l’uscita di uno specifico Decreto del presidente del Consiglio dei ministri contenente le disposizioni attuative che chiariranno con precisione gli investimenti pubblicitari che permetteranno di godere del bonus.

 

 

 

facebook Invia per E-mail stampa Più
Share on Google+ Share on LinkedIn